Peter Patti, Writer

su Randone/Ricordo Review

Alle splendide confezioni Nico Randone ci ha già abituati, ma quella di Ricordo le supera davvero tutte.
Per grafica e manifattura, questo CD è già di per sé un’opera d’arte. Ma non lasciamoci influenzare dalle esteriorità e passiamo subito all’ascolto.

E’ prog sinfonico o, meglio, prog romantico (vedasi Pentola Di Papin , Locanda Delle Fate et affini) quello che ci propongono i Randone (band che prende il nome dal suo cantante). Note calde e avvincenti, con lo "special guest" Beppe Crovella (ex Arti & Mestieri ) alle tastiere. I quadri si succedono come a un’esposizione. Con dolcezza, senza malizia. Originariamente, l’album doveva intitolarsi proprio Quadri d’autore …

Già il primo impatto è positivo.
"Jill", track n. 1, si ispira al film C’era una volta il West . Non si tratta di un’operazione di recupero mistificante o addirittura decostruttiva à la Fantomas , ma un vero e proprio omaggio agli spaghetti western. (Infos: The Spaghetti Epic ). La suite dura oltre 21 minuti ed è ricca di notevoli momenti emotivi.

Si prosegue poi con la caratteristica componente prog-cantautoriale di Nico Randone.
"Ballata per un cantastorie" rammenta, per affinità tematica, il "giullare tradito con aria sognante" già incontrato in Nuvole di ieri . "Il grande tesoro" è un inno all’amicizia. "Giulia" è un ennesimo tassello nella galleria di ritratti di donne celebrate dall’artista.
Giù giù fino a "Ricordo", con le tastiere sempre in gran spolvero (molto seducente il mellotron!), Nico canta gli amori e le morti, rimanendo sereno anche nel dolore. Ma non ha ancora seppellito il poète maudit che è in lui.

Fin dagli inizi con il gruppo Cerini Di Riserva (specializzato soprattutto in cover dei Pink Floyd ), attraverso le esperienze con i Grey Owl e con i Lorien , Nico ha portato avanti un suo proprio discorso, rivestendolo di sensibilità progressive. Rispetto ai lavori precedenti, vediamo qui più mari e più libere praterie che boschi oscuri. Scomparsi gli gnomi e le streghe malefiche, resta la magia della vita.

I testi sono a volte coheniani ("Sorella solitudine"), e sempre ben integrati nel corpus musicale. C’è sicuramente una forte personalità collettiva che anima il progetto Randone, e le qualità tecniche dei singoli musicisti sono evidenti.

Quello che ti uccide ti rende felice. Chi ha strappato il vestito da sposa? La vela è già lontana e tutti i cavalli sono nella stalla. Rimane il Ricordo .

Qualcuno, evocando le capacità di Nico di creare atmosfere romantiche, ha accennato a Yeats.
Un verso del poeta irlandese recita:

" Vague memories, nothing but memories. "
……………..

Ricordo è stato registrato – come il precedenteNuvole di ieri – all’Electromantic Synergy Studio, con la supervisione di Beppe Crovella.

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.