Archivio categorie

Diario - pagina 4

Posted on su Diario

Sai che c’è…

Sai che c’è, troppo spesso mi accorgo che a quarant’anni suonati so meno cose di quando ne avevo venti, e per dipiù le tre cose che credo di sapere, beh, anche quelle non stanno tanto in piedi, ed ogni tanto il peso di questa considerazione mi porta a credere che semplicemente non so un cazzo… Continua a leggere

Posted on su Diario

Com’è fatto l’amore romantico?

Da sempre ho pensato all'amore romantico come una semplice combinazione chimica di eventi controllata da "affinità elettive" (cit. Goethe), ed è stata questa svilente immagine che mi ha portato negli anni a trovare giustificazioni razionali, da applicare poi al comportamento, che potessero meglio identificare o controllare ciò che per sua natura è incontrollabile. Quando si cerca di controllare qualcosa, nove volte su dieci lo si fa per paura... non dico che aver paura sia sbagliato, al contrario, spesso ci permette di non fare troppe cazzate nella vita, però bisogna capire quando la paura di soffrire sta cambiando il modo in cui siamo fatti Continua a leggere

Posted on su Diario

Vigilia di Natale

Io credo che il Natale sia anzitutto un momento interiore nel quale è d'obbligo chiedersi se le cose in cui crediamo stiano ancora in piedi. Spesso ciò in cui si crede è strettamente collegato ad altre entità, alla famiglia che ci ha cresciuti o a quella che stiamo crescendo, alle piccole o grandi cose di cui ci circondiamo, agli amici che anche se lontani ci scaldano il cuore, quando due gatti che nelle notti fredde si infilano sotto le coperte pretendendo di essere abbracciati come due figli ci portano alla mente il ricordo dei grandi amori vissuti, alcuni perduti in galassie lontane, altri pericolosamente vicini, e ancora la musica, balsamo per l'anima, quella melodia che è capace di portare in superficie le emozioni del passato, e farci sentirti così dannatamente vivi da ridere davanti alla presunzione di chi vorrebbe ridurci a sole creature di sangue e carne destinate alla morte biologica. Continua a leggere

Posted on su Diario/El Camino Norte de Santiago

A Santiago lungo il Cammino del Nord – Prologo

Riprendo in mano la moleskine che mi è stata compagna sulla via di Santiago. Sono passati quattro anni da quell'esperienza e da allora è successo tanto, troppo da poterlo raccontare in due parole. Una cosa è certa, a partire dal giorno del mio ritorno molto in me è cambiato: il modo di percepire la vita, di vivere una relazione, di preoccuparmi del futuro... credo fortemente che il tempo percorso sulla Via abbia innescato una reazione a catena che da una parte mi ha reso sicuro innanzi alle preoccupazioni della quotidianità, dall'altra ha causato un lento disincanto riguardo alcuni dei temi emotivi che in passato mi sono stati tanto cari. Potrei riassumere il tutto nella consapevolezza che non vi sia alcuna forza misteriosa che possa mettere mano al destino dei nostri cari e migliorarne la vita. Continua a leggere

Posted on su Diario

E’ così che…

E’ facile che un giorno non tornerai più su queste pagine elettroniche a leggere i miei pensieri perchè è così che vanno le cose tra gli ex, c’è un tempo per l’amore ed un tempo per il rancore, poi solo indifferenza. Il vuoto, indecente, patetico e schifoso disinteresse seppellisce per sempre ciò che è stato, e tutti… Continua a leggere

Posted on su Diario/Musica

L’ultimo addio

Per molti è cosa ignota se non incomprensibile la sensazione di trovarsi a distanza di anni a contemplare un pezzo del tuo cuore imprigionato nell’ambrosia della creazione artistica. E poco importa se quella tua creatura abbia o meno quel sublime estetico che ne fa un capolavoro, tu sei lì davanti alle tue stesse parole, nel mio caso… Continua a leggere

Posted on su Diario

divagazione numero 6 (Spleen)

Ci sono attimi precisi del mio quotidiano in cui la solitudine sembra sfondare ogni parete di quel finto positivismo tanto decantato, spesso oggetto di vanità, e fonte di cattive interpretazioni del mio reale sentire. Ah, avrei dovuto già capire quando lo difendevo a spada tratta: <<non toccatelo>>, urlavo, <<ho impegnato tanta fatica per renderlo così… Continua a leggere

Posted on su Diario

Il matrimonio

Voi siete nati insieme, e insieme starete per sempre. Voi sarete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni. Sì, insieme anche nella tacita memoria di Dio. Ma vi siano spazi nella vostra unione, e fate che i celesti venti danzino tra voi. Amatevi reciprocamente, ma non fate dell’amore un laccio: Lasciate… Continua a leggere

Posted on su Diario

Antonina e Corrado

La storia d’amore più bella del mondo Oggi l’idea di un amore “perfetto” non ce l’ha quasi più nessuno… sembra qualcosa di troppo lontano che appartiene ad un passato forse troppo distante da quegli ideali che oggi dominano sulla nostra concezione dei valori. La storia che ho ascoltato dai miei nonni mi ha fatto capire… Continua a leggere

Posted on su Diario

Sciatu Miu

Per Nonno Uzzo… Sciatu miu… vieni qua… pronto… sciatu miu senti… quando sarà per me mi devi scrivere una lettera… tu sai come la devi fare… lo sai tu… Sciatu miu, senti… mi devi dire quando vieni perché voglio vedere i bambini… gli ho conservato le caramelle… nel solito cassetto, Sciatuzzu, senti oggi non ti ho… Continua a leggere

Torna Su